fbpx
Il primo festival di city making in Italia

Per tutti i city lover

Utopian Hours è il festival che racconta il “fare città”: le idee, i progetti e i luoghi che stanno migliorando la vita nelle città del mondo. Per tre giorni il festival dà voce ai protagonisti di questi cambiamenti: city maker, attivisti, architetti e innovatori condividono la propria esperienza, stimolando nuove visioni sul futuro di Torino e una riflessione sul concetto di città.

 

Utopian Hours è anche il momento per immaginare insieme una Torino stratosferica.

Durante il festival trovano spazio proposte per una città al meglio delle proprie potenzialità, da parte di esperti in visita (i Visiting Urban Explorer) e da brillanti cittadini.

Talk 2021

Venerdì 8
14.00 - 15.00
Opening

The 1000-minute city

Thomson Reuters Foundation, Internazionale, Monocle. Tre prestigiosi ospiti internazionali dibattono il tema del festival con i direttori Luca Ballarini e Giacomo Biraghi.

Venerdì 8
15.00 - 16.00
Opening

Let’s learn how to do it from Glasgow

La città è in fermento. A novembre Glasgow ospita la COP26, la conferenza ONU sul cambiamento climatico. Dalla città si leva intanto un pensiero sul futuro post-pandemia dei luoghi, con tanti progetti dal basso che incontrano l’azione pubblica. Al festival, i protagonisti di questo dinamismo.

Venerdì 8
16.30 - 17.15
Slot #2

H22, the Swedish Expo for a smarter city

Helsingborg, ambiziosa città nel sud della Svezia, si prepara a ospitare la sua esposizione internazionale: H22 City Expo durerà 35 giorni e raccoglierà soluzioni nuove per città più intelligenti. Tra i sostenitori più attivi, anche IKEA.

Venerdì 8
17.15 - 17.45
Slot #2

Visiting Urban Explorer #1 – Marina Kyriakou

Esperti e autori stranieri, apprezzati per il loro lavoro sulle città, alla scoperta di Torino per la prima volta. Dopo i giorni passati in esplorazione, ognuno racconta le proprie idee per rendere stratosferica la città. Un esperimento nell’esperimento, con l’obiettivo di ampliare lo sguardo su quanto abbiamo attorno.

Venerdì 8
17.45 - 18.30
Slot #2

Infrastructure: a keyword in our time

Quando si pensa alle basi di una città, meglio ripensare i confini tra pubblico e privato: ogni infrastruttura è storicamente questione di mix tra stato, imprese, cittadini. Sociologa canadese, Mariana Valverde arriva al festival per fare chiarezza e invitarci ad andare oltre le solite categorie.

Venerdì 8
19.00 - 19.45
Slot #2

What’s a Chief Equity Officer? Austin’s first “CEO” is here

Il festival accoglie Brion Oaks, primo Chief Equity Officer della città di Austin in Texas. Qual è il suo compito? Sono già molte le città degli Stati Uniti a essersi dotate di figure pubbliche per promuovere l’equità e ridurre le discriminazioni in città. Ma come?

Venerdì 8
19.45 - 20.30
Slot #2

The man who created the High Line

È il progetto di riqualificazione più famoso al mondo. Ha cambiato l’immagine di New York. Robert Hammond, uno dei primi due animatori della High Line, racconta a Utopian Hours la storia e la vita dei due chilometri di ferrovia sopraelevata rinati come parco lineare e diventati simbolo della città.

Sabato 9
11.00 - 11.45
Slot #1

Ideal cities: a tribute to Michael Sorkin

Il festival celebra il pensiero di un architetto visionario, scomparso di recente. Deen Sharp di Terreform Center for Advanced Urban Research ci racconterà da New York l’eredità culturale lasciata dal suo fondatore.

Sabato 9
11.45 - 12.15
Slot #1

River swimming in Berlin? Now you can.

Trasformare un’ansa del fiume Spree nel centro di Berlino in una piscina sembrava solo un’utopia. Ma l’idea “folle” e meravigliosa di Flussbad Berlin si avvia a diventare realtà: i berlinesi potranno presto nuotare nel fiume e godersi un nuovo spazio d’incontro.

Sabato 9
12.15 - 13.00
Slot #1

The Making of Places

Torino Stratosferica, impegnata nel progetto di rigenerazione urbana del Precollinear Park, si interroga sul tema del placemaking con due importanti realtà del settore

Sabato 9
14.00 - 14.30
Slot #1

Eyes of the city. Architecture and urban space after artificial intelligence

La città sta conquistando la capacità di vedere attraverso nuovi “occhi”, definiti dall’affermarsi delle nuove tecnologie.

Sabato 9
14.30 - 15.15
Slot #1

Hong Kong. Helping the homeless through kindness

Un gesto di gentilezza è all’origine di ImpactHK, progetto di Jeff Rotmeyer per i senzatetto di Hong Kong. L’iniziativa offre riparo e opportunità alle persone in difficoltà, ma innanzitutto empatia — convinta della forza di un atto di amicizia e connessione nel trasformare le vite delle persone.

Sabato 9
15.15 - 16.00
Slot #1

Open Collectives

Come ripensare spazi e comunità per la città dei mille minuti

Sabato 9
16.30 - 17.15
Slot #2

Beyond material reuse. How to transform cities into resourceful ecosystems

I Superuse Studios di Rotterdam, creatura dell’idealista Césare Peeren, e la loro filosofia di progetto: partire dai materiali di scarto trovati intorno, trasformarli in oggetti e strutture, esaltare il potenziale di un luogo e così cambiare la società. Un approccio più che circolare?

Sabato 9
17.15 - 17.45
Slot #2

Visiting Urban Explorer #2 – Sille Pihlak

Esperti e autori stranieri, apprezzati per il loro lavoro sulle città, alla scoperta di Torino per la prima volta. Dopo i giorni passati in esplorazione, ognuno racconta le proprie idee per rendere stratosferica la città. Un esperimento nell’esperimento, con l’obiettivo di ampliare lo sguardo su quanto abbiamo attorno.

Sabato 9
17.45 - 18.30
Slot #2

Magway: changing the game of delivery services

Merci dal sottosuolo. Dalla Gran Bretagna un’idea che promette di rivoluzionare il sistema del trasporto di beni: 600 milioni di consegne all’anno nella sola Londra, attraverso un canale sicuro, sostenibile e totalmente indipendente dalle condizioni delle reti autostradali.

Sabato 9
19.00 - 19.45
Slot #2

Welcome to “Talsinki”: two cities, one centre

Colazione a Tallinn e poi diretti al lavoro a Helsinki. L’imprenditore dietro al gioco Angry Birds ora sogna di creare un tunnel con treni a emissioni zero per muoversi tra le due capitali sul Baltico in meno di mezz’ora. Il nome del visionario progetto: Finest Bay Area.

Sabato 9
19.45 - 20.30
Slot #2

Life on water. Lessons from the floating school in Lagos

Il progetto su palafitte di Kunlé Adeyemi ha fatto scuola: un caso modello nell’affrontare a viso aperto, con creatività e coraggio, la crisi ambientale. Da allora il lavoro dell’architetto nigeriano, già Leone d’Argento a Venezia, è affrontare il cambiamento con idee originali e visionarie.

Domenica 10
11.00 - 11.45
Slot #1

Journey inside the video game city

Come nascono le città dei videogiochi? E cosa possono insegnarci? Parola a Konstantinos Dimopoulos, game urbanist, autore di Virtual Cities: An Atlas & Exploration of Video Game Cities.

Domenica 10
11.45 - 12.30
Slot #1

How to sketch the city with Carlo Stanga

Illustratore di fama internazionale, Carlo Stanga esalta la ricchezza della dimensione urbana. Tra i suoi ultimi progetti c’è I am the City, collana di taccuini Moleskine e libri illustrati dedicati a Milano, Londra, New York.

Domenica 10
12.30 - 13.15
Slot #1

Redesigning Aurora

Dal globale all’iperlocale: a Utopian Hours 2021 un panel per interrogarsi sul presente e sul futuro di uno dei quartieri più dinamici di Torino. 

Domenica 10
14.00 - 14.30
Slot #1

Visiting Urban Explorer #3 – Justyna Król

Utopian Hours invita esperti e autori stranieri, apprezzati per il loro lavoro sulle città, a scoprire Torino per la prima volta. Dopo i giorni passati in esplorazione, ognuno racconta le proprie idee per rendere stratosferica la città.  Un esperimento nell’esperimento, con l’obiettivo di ampliare lo sguardo su quanto abbiamo attorno.

Domenica 10
14.30 - 15.15
Slot #1

SLA, the Danes who merge city and nature

Lo studio danese SLA è la mente di tanti progetti spettacolari e incisivi di landscape design, dal Nord Europa a Parigi e Abu Dhabi. A guidarlo è Mette Skjold, a Torino per mostrare come riportare la natura al centro della vita urbana in modo efficace e innovativo.

Domenica 10
15.15 - 16.00
Slot #1

LSE Cities. Understanding the urban age

Per chi studia la città, loro sono i maestri. La London School of Economics è la prima università al mondo ad aver creato un corso di laurea interamente dedicato al city design. Al festival partecipa il direttore del centro di ricerca LSE Cities.

Domenica 10
16.30 - 17.45
Slot #2

Better Cities Film Festival

Ogni anno in Michigan, per quattro giorni ad ottobre, il Detroit Better Cities Film Festival proietta i più interessanti film che parlano di città migliori — e come crearle. Torino Stratosferica, partner del festival, selezionerà e mostrerà in esclusiva i migliori corti del BCFF a Utopian Hours 2021.

Domenica 10
17.45 - 18.30
Slot #2

Embody the city

Con “Bodies in Urban Spaces” Willi Dorner ha portato in diverse città europee una forma innovativa di urban happening, durante la quale 20 artisti guidano il pubblico attraverso alcuni degli spazi pubblici più suggestivi dell’ambiente urbano. 

Domenica 10
19.00 - 19.45
Slot #2

Sasaki from Boston. Defining the future of place

Utopian Hours porta a Torino una voce protagonista nel rispondere alle nuove sfide urbane globali. Spazio pubblico, ambiente, benessere dei cittadini: con i suoi progetti in tutto il mondo, lo studio Sasaki è il luogo giusto dove cercare risposte.

Domenica 10
19.45 - 20.30
Slot #2

Carlo Ratti: only dense and intense cities will prevail

La forza magnetica delle città non è in discussione. Parola di Carlo Ratti — tra i protagonisti del dibattito globale sull’utilizzo delle nuove tecnologie in campo urbano. 

Grandi idee, città che cambiano, strade, fiumi e waterfront... per poi passare la serata insieme

Talk, incontri, prime italiane

1.welcome

Cities are mental weapons

Il festival apre da dove tutto è iniziato: l’ambizione di immaginare una “Torino al suo meglio”, usando il city imaging per aiutare la città a cambiare davvero. Dopotutto, la città è “un’arma mentale” — frase di Julian Beinart, professore di Theory of City Form al MIT di Boston, da sempre fra le ispirazioni più forti del progetto.

con Luca Ballarini, fondatore di Torinostratosferica

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_0b

I nuovi Visiting Urban Explorer

Torino vista, e immaginata, attraverso gli occhi di tre esperti-flâneur da Rotterdam, Helsinki e Lisbona. Dopo tre giorni di esplorazione in solitaria, ogni ospite condividerà sul palco del festival le proprie idee e visioni per rendere stratosferica la città.

con Valerie Kuster, Timo Hämäläinen e Frederico Duarte

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_8

La visione di Martin Barry

Torinostratosferica presenta un protagonista internazionale nella riflessione sulle città. Martin Barry ha lasciato New York per Praga, dove dirige il festival reSITE e ha messo in pratica le sue idee su rigenerazione, cultura e sviluppo con il Manifesto Market.

con Martin Barry, reSITE e CityCrew

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_7

Cosa succede nella città delle città

New York, 2018. Il festival racconta la metropoli simbolo della città contemporanea, attraverso due newyorkesi che vivono in prima persona la sua evoluzione. Quali sfide? Quali i progetti da conoscere? Un viaggio per anticipare stili di vita e fenomeni.

con Robin Dolch, Hundred Stories e City of Tomorrow / Greg Lindsay, NewCities e URBAN-X

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_17

Viaggio a Montréal: creatività, opere temporanee e urban design

L’incontro con Jean Beaudoin è l’occasione per scoprire la seconda città del Canada. Con il suo studio di urban design, Beaudoin si concentra spesso sugli spazi in trasformazione, con opere di lighting design e installazioni temporanee capaci di favorire il cambiamento.

con Jean Beaudoin, architetto e designer

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_18

Trasformare la città insieme: idee da Berlino

Il festival dà spazio all’esperienza unica di Urban Catalyst Studio, gruppo attivo in tutta Germania e in Europa, che lavora sul futuro dei luoghi con una visione e un metodo originali. Come ripensare le nostre città? Come farlo in modo inclusivo?

con Dr. Cordelia Polinna e Luca Mulé, Urban Catalyst Studio

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_4

Un’utopia torinese diventata realtà negli Stati Uniti

Torinostratosferica porta a Torino il direttore di Arcosanti, laboratorio visionario nel deserto dell’Arizona. La città-modello è opera dell’architetto torinese Paolo Soleri, convinto in un nuovo ideale di società in cui architettura e ambiente si fondono. Un incontro imperdibile per chi vuole conoscere come si vive in un’utopia reale.

con Jeff Stein, Cosanti Foundation

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_5

Helsinki. Quando pubblico e privato si incontrano

Raoul Grünstein è l’imprenditore urbano alla guida di Allas Sea Pool, nuova oasi con piscine galleggianti sul waterfront di Helsinki. Il suo talento è realizzare progetti di city making innovativi, unendo interesse pubblico e risorse private.

con Raoul Grünstein, Töölö Urban e Allas Sea Pool

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_10b

Il guru che porta in tv le città “a misura di vita”

Cosmopolita, esperto anticonformista, Mikael Colville-Andersen oggi è fra le voci più influenti quando si parla di qualità urbana. La sua missione è “copenaghenizzare” il mondo esportando la cultura della bici. È il volto mai banale della serie tv The Life-Sized City, in cui ci guida nel futuro delle città.

con Mikael Colville-Andersen, Copenhagenize Design

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_16

Cosa imparare dal fiume di Oslo

Il paesaggio lungo l’Akerselva, dove nuovi quartieri sostenibili hanno preso il posto delle industrie, racconta una nuova Oslo da cui farci ispirare. Torinostratosferica incontra un protagonista di questa storia di successo.

con Sverre Landmark, Aspelin Ramm

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_13

Buone idee da torinesi brillanti

Cosa farebbero alcuni torinesi se potessero realizzare i loro sogni e creare una Torino davvero stratosferica? Una serie di mini-talk da 10 minuti ognuno, per raccontare la propria visione e innescare la discussione.

con Enzo Biffi Gentili, MIAAO / Adriano Marconetto, imprenditore / Erika Mattarella, Bagni Pubblici di via Agliè / Matteo Robiglio, FULL / Paolo Ruffini, Decisio

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_14b

11 storie di “eccezionalità” torinese

Ci sono momenti, episodi, luoghi che dimostrano una qualità distintiva di Torino: il fatto che qui siano possibili cose eccezionali. Molti li abbiamo dimenticati. Grande conoscitore di Torino e narratore delle sue vicende, Maurizio Cilli racconta 11 storie da riscoprire più una, in un viaggio lungo tre secoli in questa straordinarietà.

con Maurizio Cilli, architetto e artista

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_9b

Cosa fa il Chief Storyteller di una città

Dà voce alle comunità locali. Va oltre gli stereotipi. E costruisce una nuova narrazione per la città. Aaron Foley è il primo Chief Storyteller di una città in America, e forse nel mondo: arriva per la prima volta in Europa con il suo team, per raccontare il proprio lavoro e mostrarci una selezione delle loro produzioni video.

con Aaron Foley, Chief Storyteller di Detroit, e il team di The Neighborhoods

TSUH2018_Talk_TemplateInterno_Carousel_12

Parigi accelera

Faire è il primo acceleratore per progetti di architettura e design urbano. Raccoglie idee innovative che promettono un impatto reale e aiuta a trasformarle in azioni o oggetti concreti. Quali i progetti più originali da scoprire?

con Jean-Sébastien Lebreton, curatore

4.party_1

Utopian Happy Hours

Cocktail e musica fino alle 22.30. In programma venerdì e sabato sera dopo l’ultimo talk della sera.

Scopri le edizioni passate